Lega Navale Italiana – Sezione di Cagliari

1902

Una panoramica dall'alto dei pontili della sezione cagliaritana della Lega Navale ai quali sono ormeggiate circa 400 imbarcazioni dei Soci.

      

Informazioni aggiuntive

Società

Lega Navale Italiana – Sezione di Cagliari

Sede

Via Cristoforo Colombo 135

Pagamenti

, , , , , , , , , , , , , , ,

Numero soci

837

Presidente

Vittorio De Riso

Affiliato UNASCI

SI

Affiliata UNASCI negli anni

2007, 2008, 2009, 2010, 2011, 2012, 2013, 2014, 2015, 2016, 2017, 2018, 2019, 2020, 2021, 2022, 2023

Numero tesserati

837

Città

Cagliari

Regione

Sardegna

Anno fondazione

1902

CAP

9125

E-mail Società

lnicagliari@virgilio.it

Provincia

CA

Telefono Società

070.300240

Telefono Presidente

347.9627458

Fax

070.300240

Federazioni

FIC, FICK, FIPSAS, FIV

Bandierina Rossa

NO

Socio fondatore

NO

Socio fedele

NO

Stella d'oro

SI

Anno Stella d'oro

2014

La Lega Navale Italiana è un’associazione apolitica e senza finalità di lucro, essa ha lo scopo di diffondere nel popolo italiano, in particolare fra i giovani, lo spirito marinaro, la conoscenza dei problemi marittimi, l’amore per il mare e l’impegno per la tutela dell’ambiente marino e delle acque interne, agli effetti della partecipazione dei cittadini allo sviluppo ed al progresso di tutte le forme di attività nazionali che hanno nel mare il loro campo ed il loro mezzo di azione.
La Lega Navale Italiana sviluppa le iniziative promozionali, culturali, naturalistiche, ambientalistiche, sportive e didattiche idonee al conseguimento degli scopi dell’Associazione; promuove e sostiene la pratica del diporto e delle altre attività nautiche.
Essa opera anche di concerto con le amministrazioni pubbliche centrali e periferiche, con le Federazioni sportive del C.ON.I. e le leghe navali marittime straniere.
I soci e gli atleti sono la forza vitale dell’Associazione; essi devono impegnarsi nelle attività volte al conseguimento delle finalità statutarie con lealtà, passione, iniziativa, animo altruistico e fedeltà alla spirito dell’Associazione stessa, con l’apporto della propria preparazione culturale marittima ed esperienza, ed anche rendendo disponibili le imbarcazioni di proprietà, per lo sviluppo in comune delle attività suddette ed in particolare della propaganda marinara.
L’Unione Sarda, maggiore quotidiano locale dell’11 luglio 1902 annunciava per il 13 luglio una conferenza al Teatro Civico di Cagliari del Cav. Limo, segretario della Lega Navale Italiana che veniva da Roma per annunciare la costituzione della Sezione di Cagliari, e vedeva eletto come Presidente il Cav. Ercole Antioco, ed annovera tra i primi soci il Comune di Cagliari.
Dieci anni dopo nel 1912 il nuovo direttivo, altamente elitario, riesce ad impegnarsi e ad affrontare temi sentiti della realtà locale.
Decide di lanciare il progetto ” Nave Asilo” in sostanza ottenne una nave in disarmo dalla Regia Marina per accogliere ragazzi bisognosi ed abbandonati per educarli ed istruirli nelle arti marittime, come si legge in una dichiarazione del 1913 intitolata “Pro Nave Asilo Sarda” un progetto che andò in porto fra molte difficoltà finanziarie.
La vita del sodalizio cominciò a scorrere normalmente ed essere un iscritto della Lega Navale Italiana fu un titolo gratificante per molti cagliaritani amanti del mare.
La tessera era praticamente imposta non perché fosse obbligatoria ma semplicemente perché costava pochi soldi ed un ragazzino a scuola se la ritrovava tra le mani, e per loro applicare il bollo annuale era motivo di festa. Così come era motivo di festa l’incontro a scuola con un esponente della Lega Navale Italiana ad illustrare fatti e benemerenze del sodalizio.
Il destino della Lega Navale Italiana — Sezione di Cagliari, era quello di progredire, lentamente ma sicuramente, ancorata a principi validissimi con al centro il mare e gli orizzonti infiniti, che rimaneva efficacissimo nonostante il mutare dei tempi e degli assetti politici ed economici.
Restare strettamente legati al mare voleva dire dedicarsi all’educazione dei giovani agli sport nautici di ‘ogni specie, voleva dire prestare attenzione allo sviluppo del settore velico sportivo che offriva nuove possibilità di pratica anche a chi non aveva eccessive possibilità finanziarie.
Nel frattempo la darsena del porto di Cagliari sede della Sezione si era fatta troppo stretta per ospitare la società sportiva, di qui nel 1954, il trasferimento nella zona di Su Siccu, la realizzazione di una nuova sede e poi, via via i nuovi pontili fino a quelli galleggianti e attrezzatissimi che ora ospitano una vera flottiglia di imbarcazioni da diporto e da regata.
Un’annotazione, sia pur marginale, può dare un’idea complessiva di ciò che la Lega Navale ha rappresentato per intere generazioni. Le attività sportive interessavano il nuoto, pallanuoto, vela, canottaggio e tennis.
Riaffiorano date e ricordi di gare lontane, campionati del Mediterraneo nel 1968, regate a La Galite, l’inaugurazione di Porto Rotondo nel 1973 dove la Sezione di Cagliari aveva ben quindici Flying Dutchman, era la flotta più numerosa con sportivi allora emergenti e poi affermatisi in seguito.
La Lega Navale Italiana – Sezione di Cagliari, è stata la prima ad introdurre lo sport velico in Sardegna, organizzando varie manifestazioni mondiali e nazionali ricordiamo nel 1969 la Cannes – Cagliari, nel 1972 la Two Ton Cup, nel 1983 il campionato del mondo Flying Dutchman, nel 1991 il 41° Campionato Internazionale del Mediterraneo, nel 1992 il circuito One Ton Trofeo Golfo degli Angeli, nel 1993 One Ton Cup, nel, 1999 Trofeo Nazionale a squadre Optimist, nel 2000 Campionato Italiano classi olimpiche, nel 2003 Campionato Europeo classe Europa, nel 2004 Campionato Nazionale classe Optimist.
Non meno importanti sono le regate veliche denominate Turisport e la Cagliari-Carloforte ormai giunte alla 40° edizione.
Nell’anno 2002 con Presidente il rag. Sergio Rossi, Stella d’Oro al merito sportivo, si arriva finalmente a festeggiare i 100 anni della fondazione.
In collaborazione con la Marina Militare viene organizzata la regata del centenario, denominata “Trofeo Marisardegna”, una manifestazione sportiva con la vela d’Altura, derive, imbarcazioni di canottaggio e canoa. Anche l’Arcivescovo di Cagliari S. E. Monsignor Ottorino Alberti accetta di partecipare celebrando nei giardini della Sezione una messa solenne ai festeggiamenti per il centenario della fondazione della Lega Navale Italiana — Sezione di Cagliari.
Quando, durante la cerimonia ha preso la parola lo ha fatto proponendo un’interpretazione realistica ed insieme ispirata, del vero significato della presenza in città del sodalizio che parte dall’amore per il mare per dettare una vera regola di vita.
Muovendosi attivamente in questo quadro non potevano mancare anche le menzioni ufficiali, nel 2004 alla Lega Navale Italiana – Sezione di Cagliari è stata consegnata la Stella di bronzo al merito sportivo, assegnata per l’anno 2002.
Fra i Presidenti che si sono succeduti il Comm. Giuseppe Picinelli ed altri personaggi di spicco della città di Cagliari nel dopoguerra, il Conte Guido Burgio, On. Salvatore Campus che per lunghi anni fu presidente della Sezione e da assessore ai lavori pubblici realizzo il porticciolo di Marina Piccola, che ancora oggi e la sede delle derive e della scuola di vela.
Altro presidente alla fine degli anni 70 fu il Dr. Salvino Demuro, per proseguire negli anni con il dr. Giuseppe Cappellacci, l’avv. Agostino Ballero, avv. Pietro Biggio e il rag. Sergio Rossi presidente attuale.